Utente:  
Password:  
Ricerca:
RASSEGNA STAMPA
domenica 8 dicembre 2002
SINGOLARE INTERVENTO IERI SERA...
Singolare intervento ieri sera dei Vigili del Fuoco in via Forte Marghera all'interno del cantiere dell'ex Krull, diventato ora sede degli uffici del Tribunale dei minorenni.
IL GAZZETTINO
venerdì 6 dicembre 2002
SAN MARCO, LA SOPRINTENDENZA NON CI STA
Venezia Per uno di quegli strani paradossi che ogni tanto capitano a Venezia tra le istituzioni, soprattutto se in ballo ci sono temi delicati, la Soprintendenza ha approvato il progetto esecutivo del primo stralcio dell'insula di San Marco (il rifacimento del Molo dal Todaro al ponte della Paglia), per mettere al riparo la Piazza dall'acqua alta, ma ha sospeso il suo giudizio sul progetto generale.
IL GAZZETTINO
venerdì 6 dicembre 2002
TUNNEL SOTTO IL PARCO DI S.GIULIANO PER ANDARE IN TRENO ALL'AEROPORTO
MESTRE. Un tunnel sotto il parco di San Giuliano, per collegare con il treno Mestre e Padova all'aeroporto Marco Polo. Agganciato ad una bretella che passerà per Dese, formando così una sorta di circuito ad anello dell'Alta velocità. E' questa la soluzione scelta dai progettisti della Italfer che stanno lavorando con Rete ferroviaria italiana al progetto preliminare per la tratta Venezia-Trieste.
LA NUOVA VENEZIA
giovedì 5 dicembre 2002
ANCHE UN TERMINAL PER SALVARE VENEZIA
VENEZIA. Il ministro Pietro Lunardi conferma quanto annunciato all'indomani del Comitatone del 6 dicembre 2001: si farà progetto del terminale in mare per estromettere le petroliere dalla laguna.
LA NUOVA VENEZIA
giovedì 5 dicembre 2002
ARCHITETTURA TIRA SEMPRE IL GRUPPO DESIGN E ARTI DEVE ANCORA CRESCERE
VENEZIA. E' ancora una volta il corso di laurea triennale in architettura ad attrarre maggiormente le nuove matricole dell'Iuav. Secondo i dati resi noti dall'Istituto - aggiornati al 29 novembre e non ancora definitivi, perché le iscrizioni al primo anno dei corsi non sono del tutto chiuse - il corso di laurea in Scienze dell'architettura e quello in Produzione dell'edilizia hanno in tutto 657 mnuovi iscritti. Sempre all'interno della Facoltà di Architettura - di cui queste lauree fanno parte - i corsi biennali di laurea specialistica in Architettura (con tre indirizzi: sostenibilità, conservazione, città) hanno in tutto 152 nuove matricole.
LA NUOVA VENEZIA
giovedì 5 dicembre 2002
CON IL NUOVO TRACCIATO MENO CURVE E PIU' TUNNEL
MESTRE - Il Passante avrà una lunghezza di circa 32,3 chilometri da Roncoduro a Quarto d'Altino (parte in superficie, parte in viadotto, parte in galleria superficiale), comporterà l'arretramento all'altezza del casello di Dolo dell'attuale barriera sulla Padova-Venezia (quindi l'ultimo tratto dell'attuale autostrada sarà liberalizzato) e l'avanzamento di quella di Mogliano e Quarto d'Altino. Ci saranno caselli autostradali a Roncoduro, Spinea-Crea, Martellago, e tra Preganziol e Casale sul Sile, che rappresentano secondo l'assessore Renato Chisso «un segnale di permeabilità con il territorio».
IL GAZZETTINO
giovedì 5 dicembre 2002
CONFEDILIZIA
È in atto in tutta Italia un aumento generalizzato delle aliquote Ici non prima casa ed è scandaloso che questo avvenga mentre la Finanziaria è ancora in corso di modifica.
IL GAZZETTINO
giovedì 5 dicembre 2002
IL PASSANTE ABBATTERA' SOLO QUARANTA CASE
Mestre Non è il progetto del Passante abbozzato nel '98, quello che le società concessionarie dell'opera (Autostrade spa, Autovie Venete, Venezia-Padova) hanno consegnato lunedì all'Anas. I 32 chilometri di asfalto che dal 2008, se tutto andrà bene, dovrebbero alleggerire la tangenziale di Mestre, partono sempre da Dolo e si concludono sempre a Quarto d'Altino, ma il tracciato ha meno curve, non è tortuoso come quello immaginato quattro anni fa.
IL GAZZETTINO
giovedì 5 dicembre 2002
LAVORO, VIA LIBERA AI FONDI D'AREA
CHIOGGIA. Finalmente buone notizie sull'arrivo dei fondi per lo sviluppo, quei «Patti territoriali» di cui Chioggia, Sottomarina e Cavarzere hanno biusogno come l'aria per poter creare nuovi posti di lavoro. Ieri a Venezia il Comitato tecnico regionale (Ctr) ha approvato all'unanimità, anche se con qualche prescrizione, la variante ai Patti territoriali e quella al Palav relativa all'ambito compreso tra i fiumi Brenta e Adige, dove dovrebbero espletarsi importanti interventi finanziati dal Patto d'area.
LA NUOVA VENEZIA
giovedì 5 dicembre 2002
PER I LAVORI PUBBLICI AL LIDO NON
Per i lavori pubblici al Lido non c'è un euro. I tagli alla Finanziaria porteranno brusche riduzioni e ridimensionamenti nelle opere previste nel programma annuale e nel piano triennale dei lavori pubblici. Dai fondi per la ristrutturazione dell'Orseolo, che dovrebbe diventare sede della Municipalità, all'investimento di circa 3500 milioni di vecchie lire per il piano terra della biblioteca: sono solo alcuni degli interventi, attesi da tempo dalla cittadinanza, di cui invece non si trova nemmeno traccia nel piano comunale dei lavori pubblici.
IL GAZZETTINO
giovedì 5 dicembre 2002
SANATORIA EDILIZIA IN ATTESA
ROMA - Mentre sul condono tombale sembra esserci uno sbarramento, almeno ufficialmente, anche da parte del Governo, nel corso della discussione alle commissioni Bilancio e Finanze del Senato fa di nuovo capolino la sanatoria edilizia. Tante volte data per spacciata, la regolarizzazione degli abusi fa gola a troppi per poter essere liquidata con il rigore ostentato di maggioranza e opposizione.
IL SOLE 24 ORE
giovedì 5 dicembre 2002
SARA' UNA PIPELINE DI 30 CHILOMETRI AD ALIMENTARE LE RAFFINERIE DI PORTO MARGHERA
(S.T.) Oltre al progetto per la difesa di Piazza San Marco dalle acque alte, il prossimo 20 dicembre arriverà al Comitato tecnico del Magistrato alle acque il progetto preliminare per l'estromissione del traffico petrolifero dalla laguna attraverso la costruzione di una piattaforma in mare, a 17 chilometri dalla costa. L'annuncio è stato dato dallo stesso ministro delle Infrastrutture, Pietro Lunardi, che l'anno scorso aveva commissionato lo studio al Consorzio Venezia Nuova.
IL GAZZETTINO
giovedì 5 dicembre 2002
SCOPERTO UN CARTELLO DELLA GHIAIA
Pordenone NOSTRA REDAZIONE Sul Noncello scatta la seconda Tangentopoli. E lo fa con un botto: tre arresti e una decina di avvisi di garanzia, emessi nei confronti d'imprenditori, professionisti e amministratori. Tutti e tre gli arresti sono maturati ieri mattina, in forma di reclusione domiciliare, su disposizione del gip Eugenio Pergola, dopo la richiesta del pubblico ministero Fabio Moretti. I "confinati in casa" sono l'ingegner Giovanni Ricci, 34 anni, dipendente del settore Lavori pubblici del municipio cittadino; suo cognato Fabrizio D'Alessio, 30 anni, pure ingegnere, libero professionista, amministratore unico della pordenonese Globo (un'azienda che si occupa di servizi per l'ambiente e la sicurezza); l'imprenditore e consigliere comunale leghista Fabio Dell'Agnese, 33 anni, di Porcia, contitolare della Friul - Strade srl, l'impresa di famiglia.
IL GAZZETTINO
giovedì 5 dicembre 2002
SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI
"La sicurezza nel cantiere edile" è il tema dell'incontro previsto per questa sera, giovedì 5 alle 20.30, nella sede Cna di Portogruaro in viale Venezia 7, a cura di Assoedili e Anse, in collaborazione con Venezia@Opportunità
IL GAZZETTINO
giovedì 5 dicembre 2002
TERRENI E IMMOBILI COMUNALI IN VENDITA PER FAR CASSA
Eraclea Il consiglio comunale approva tre minivarianti urbanistiche per alienare terreni e immobili comunali. Scopo: incassare fino a due milioni di euro destinati alla realizzazione di piazza Garibaldi, il completamento degli impianti sportivi del capoluogo, la sistemazione del campo sportivo di Ponte Crepaldo e, soprattutto, destinare la quota più importante, almeno un milione di euro, alla sistemazione e asfaltatura della disastrata rete stradale comunale. Far cassa insomma per poter sistemare via Revedoli, le Braide di Stretti, via Tiepolo, via Murazzetta, via Tortoletto, le vie in pineta. Interventi indilazionabili che l'amministrazione comunale intende assolutamente realizzare attuando il piano di dismissioni. "L'obiettivo - spiega il vicesindaco Roberto Zucchetto - non è solo quello di introitare risorse da destinare alla realizzazione di opere pubbliche, ma anche di mettere mano a importanti interventi di riqualificazione urbana.
IL GAZZETTINO
mercoledì 4 dicembre 2002
LUNARDI PER IL MOSE NON SERVE LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE
Le opere per la salvaguardia di Venezia non devono ulteriormente essere sottoposte a procedura di Via», la valutazione di impatto ambientale. La ha comunicato in una nota il ministro delle infrastrutture Pietro Lunardi, facendo riferimento alla delibera con cui il 29 novembre scorso il Cipe ha approvato il finanziamento con 450 milioni di euro i lavori programmati per il triennio 2002-2004. Il progetto definitivo preso in esame dal Cipe si compone di tutte le opere previste nell'ambito del piano per la salvaguardia di Venezia che devono essere realizzate alle bocche di porto
IL SOLE 24 ORE
mercoledì 4 dicembre 2002
SCATTA IL DIVIETO PER NOVE IMPRESE
MILANO - Prosegue la battaglia del Comune di Milano per combattere l'illegalità e promuovere la trasparenza negli appalti pubblici. Nove imprese sono state infatti interdette dalle gare d'appalto e dalla concessione di lavori pubblici di qualsiasi importo bandite da tutte le stazioni appaltanti, in Italia, per un anno. Sono questi i dati salienti che emergono dai procedimenti istruiti dall'Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici a seguito delle segnalazioni «per collegamento sostanziale» fatte pervenire dal Comune di Milano. Quest'anno le esclusioni effettute per motivi di collegamento sostanziale tra i partecipanti a gare indette dal Comune di Milano sono oltre 200 e hanno interessato 62 imprese. I dati sono stati comunicati ieri dal vicesindaco di Milano, Riccardo De Corato, che ha la delega per i lavori pubblici. Ecco i nomi delle nove imprese interdette per 12 mesi su tutto il territorio nazionale: Cogesca; Comer; Edil Bianchi; Grasso Orazio; Icoform (Impresa costruzioni fornitura materiali); Lucchini Artoni; Premiata costruzioni; Redil costruzioni; Romana appalti e costruzioni. Il collegamento sostanziale sussiste quando le offerte, pur provenendo da imprese diverse, in realtà sono imputabili a un medesimo centro di interessi: in altre parole, si riferiscono a un unico centro decisionale.
IL SOLE 24 ORE
SELEZIONE PERIODO:
 2020 | 2019 | 2018 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 | 2013 | 2012 | 2011 | 2010 | 2009 | 2008 | 2007 | 2006 | 2005 | 2004 | 2003 | 2002 
PAG.

123
456
789
101112
131415
161718
192021
222324
252627
282930
313233
Perché associarsi?
per partecipare gratuitamente a tutti gli incontri informativi e ai seminari di aggiornamento organizzati dall’Associazione.
Associazione Costruttori Edili ed Affini di Venezia e area metropolitana
Palazzo Sandi - S.Marco 3870 - Tel. 041.5208988 (8 linee r.a.) - Fax 041.5208389 - C.F.: 80009700271 - Mail info@ancevenezia.it
www.ancevenezia.itPrivacy
Associazione Costruttori Edili ed Affini di Venezia e area metropolitana
Palazzo Sandi - S.Marco 3870 - Tel. 041.5208988 (8 linee r.a.) - Fax 041.5208389 - C.F.: 80009700271 - Mail info@ancevenezia.it
www.ancevenezia.it
34.239.172.52---=